Simona Di Stefano - La Dislessia e i Disturbi specifici dell'apprendimento a Catania con Diagnosi, Riabilitazione e Recupero. Supporto psicopedagogico con Strumenti compensativi e Software riabilitativi.

 

 

          

   

      Cosa sono i DSA

      Diagnosi

      Trattamento

      Tutoring

      Testimonianze

      Proposte Formative

      Seminari Gratuiti

      Rassegna Stampa

      Guarda

      La mia Professione

      Formatore Tecnico AID

      Contatti

      News

      Link

 

                   

                                 

 

 

 

 

DIAGNOSI

Quando si parla di Disturbi Specifici dell’Apprendimento è importantissimo che la diagnosi venga fatta tempestivamente, in modo da accelerare eventuali interventi di recupero, evitando in tal modo ai bambini un iter scolastico problematico e sofferente. Inoltre, da un punto di vista prettamente clinico, l’identificazione precoce di tali difficoltà è fondamentale in quanto, è ormai riconosciuto e pienamente condiviso che, il lavoro di abilitazione ha un suo periodo sensibile (chiamato finestra evolutiva) in cui l’attività di acquisizione ha la massima efficacia che, poi, tende a ridursi rapidamente fino a scomparire. Dunque, esiste una sola fase in cui è possibile intervenire con successo; in età successive potranno essere usate solo misure compensative e dispensative.
Pertanto, se si hanno dubbi che un bambino abbia questo tipo di difficoltà è indispensabile richiedere velocemente una valutazione specialistica. Per tale valutazione ci si può rivolgere alla propria ASL di appartenenza oppure a specialisti (psicologi o neuropsichiatri), che svolgono privatamente la libera professione.
La Nota Ministeriale 26/A del 05/01/05 precisa, infatti, che la diagnosi di Disturbo Specifico dell’Apprendimento, consegnata alla scuola, deve essere specialistica, ma può essere fatta, indistintamente, da uno specialista sia privato che appartenente al SSN. Questo è un punto basilare, perchè permette al cittadino/genitore di poter scegliere liberamente a chi rivolgersi. Tutto ciò nasce dal fatto che, purtroppo, alcune volte il bacino d'utenza è molto elevato e il SSN non è in grado di fronteggiare, in tempi brevi, l'esigenze specifiche di tutti questi bambini/ragazzi; pertanto, si rischiano liste d’attesa molto lunghe che ostacolano, in termini di diagnosi e di supporto, la presa in carico tempestiva di tali situazioni. In questo caso, il cittadino/genitore può decidere di intraprendere lo stesso tipo di percorso privatamente, anziché attraverso il servizio pubblico.
Infine, è importante precisare che la valutazione e la stesura della diagnosi sono di stretta pertinenza specialistica; ciò vuol dire che: logopedisti, psicomotricisti, insegnanti, ecc… possono somministrare solo alcuni test che non hanno, però, valore diagnostico ai fini di quanto detto precedentemente. Questi risultati possono servire solo come indicazione per inviare il bambino dallo specialista (psicologo o neuropsichiatra).
Tali direttive nazionali potete trovarle meglio specificate sul sito dell’Associazione Italiana Dislessia: www.aiditalia.org - vedi FAQ / Domande e Risposte Frequenti.

.

Dott.ssa Simona Di Stefano - P.I.04285030872 - Mobile 339.3863333 - dott.ssasimonadistefano@yahoo.it - © www.InformaticaService.com


 

Utilizziamo i cookies per offrirti il miglior servizio possibile, continuando la navigazione autorizzi l'uso. Leggi la nostra informativa privacy.   X